Alle Seychelles serbatoi costruiti con gabbioni per immagazzinare acqua

Published by superbuc on

Una prima diga di gabbioni è stata costruita nella zona umida di Bougainville nel distretto di Takamaka. Siamo alle Seychelles, e questo indica immediatamente la propensione verso progetti che possano salvaguardare l’ambiente naturale, l’ecosistema, la salvaguardia della biodisponibilità e l’integrazione dei manufatti nell’ambiente. Tutto questo utilizzando strumenti di ingegneria civile avanzata.

seychelles-gabbione-diga-fiume-01

Il progetto di adattamento ai cambiamenti climatici delle Seychelles (EBA) basato sull’ecosistema ha costruito la prima diga di gabbioni nella zona umida di Bougainville nel distretto di Takamaka, a sud dell’isola principale di Mahé .

La diga di gabbioni è lunga 40 metri e contiene attualmente circa 35 milioni di litri d’acqua. In termini ingegneristici, una diga è un’ostruzione artificiale in un corso d’acqua, costruita per aumentare la profondità dell’acqua.

Il consulente del progetto Johan Mendez Esteban – un ingegnere di 30 anni – ha commentato che “questo lavoro con i gabbioni ha aumentato la resistenza ai cambiamenti climatici e ha generato benefici per l’approvvigionamento idrico per consumo umano, sicurezza alimentare e mezzi di sussistenza”.

Mendez ha aggiunto che questo approccio offre un’alternativa alla desalinizzazione per la produzione di acqua potabile e la sostenibilità dell’ambiente, non solo per lo splendido arcipelago delle isole Seychelles.

“Nei fiumi, le stramme di gabbioni fungono da filtri e consentono la creazione di un ecosistema delle zone umide se combinate con l’ingegneria industriale. Poiché la sua funzione principale è quella di trattenere l’acqua, è la pietra angolare di un ecosistema di zone umide artificiali, interi ecosistemi, che operano all’interno e intorno all’acqua”, continua Mendez.

seychelles-gabbione-diga-fiume-02

Il progetto EBA ha identificato sette diverse località sull’isola di Mahe per la costruzione di queste dighe di gabbioni. Il progetto prevede la formazione dei tecnici in loco per formarli alla costruzione di una diga di gabbioni come approccio ecosistemico al deposito di acqua nelle Seychelles – un gruppo di 115 isole situate nella parte occidentale dell’Oceano Indiano.

Sono stati organizzati due corsi di formazione separati, uno per imprenditori, agricoltori e altre persone interessate. La seconda è dedicata invece agli studenti che si laureano in costruzione all’Istituto Tecnologico delle Seychelles (SIC – Seychelles Institute of Technology)

Gli studenti seguono la formazione iniziando la costruzione di una nuova diga lunga circa 60 metri. Il corso pratico è il montaggio e l’assemblaggio del gabbione, che creerà una nuova diga. Il risultato andrà poi a beneficio della comunità agricola della regione.

“Abbiamo identificato questa zona perché ha una fonte di acqua. Inoltre, la sua topografia ricorda un laghetto, che lo rende ideale per la conservazione dell’acqua”, ha affermato Pascal Octave, trainer della sessione di capacity building.

Octave ha confermato che il sistema di gabbioni sia il modo perfetto per affrontare il problema della penuria d’acqua e dello stoccaggio nelle Seychelles. “È importante includere le nuove generazioni perché possano poi replicare questo metodo nel loro lavoro futuro. È il modo più naturale per immagazzinare l’acqua perché è naturalmente filtrata. “Anche se l’acqua scorre, ci sarà sempre un deposito d’acqua in quest’area”.

Angie Aimable, l’unica donna che ha partecipato alla formazione, ha spiegato che il sistema di gabbioni fosse del tutto nuovo per lei. “Allo stesso tempo, è molto eccitante, perché è un modo molto semplice per creare potenti dighe permanenti invece di costruire grandi muri di cemento, che possono essere molto costosi”. Soprattutto, aggiungeremmo, molto poco biocompatibili.

Ben Hermitte – un appaltatore edile che ha frequentato la prima formazione – parteciperà anche alla seconda sessione perché vuole assolutamente approfondire le sue conoscenze su questo approccio, che descrive come affascinante.

“È un ottimo approccio per l’ambiente. Ho visto la diga completata e ora sto dedicando il mio tempo su base volontaria per costruire questo e gli altri perché verrà dato il mio contributo alla comunità delle Seychelles”, ha detto Hermitte.

La seconda diga dovrebbe essere completata entro la metà di dicembre. Il consulente del progetto ha dichiarato che il progetto sarà poi trasferito ad altri siti per la costruzione di forniture idriche con lo stesso metodo a gabbioni metallici riemiti di pietre.

“Rispetto ad una diga convenzionale, la diga con un filtro a gabbione è molto più semplice, costruita direttamente in loco alle Seychelles e poco costosa. Inoltre, l’impronta sull’ecosistema dell’isola è positiva, perché favorisce la protezione del fiume dall’inquinamento provocato dal degrado del terreno durante le forti piogge, ed è perfetto per la protezione degli argini”, ha detto ancora Mendez.

Alle Seychelles, l’adattamento ecosistemico ai cambiamenti climatici è finanziato dal Fondo di adattamento. Questo si muove aiutando i progetti e programmi, in aiuto alle comunità vulnerabili dei paesi in via di sviluppo. Le iniziative si basano su esigenze, prospettive e priorità dei paesi, e sono orientate all’adattamento ai cambiamenti climatici.